shopify visitor statistics

Guida all’acquisto di zaini porta bimbo

MONTIS HOOVERPer molti appassionati di viaggi ed escursioni, l’arrivo di un figlio significa la rinuncia al proprio passatempo preferito, o nel migliore dei casi alla sua drastica diminuzione, soprattutto quando entrambi i genitori fanno una vita sempre in movimento. In effetti un bambino piccolo non cammina o cammina soltanto per brevi tratti e in condizioni favorevoli; è impensabile che possa, ad esempio, seguire un sentiero di montagna o passare tutta la giornata ad esplorare la natura o le città. Se i genitori vogliono continuare a praticare il proprio hobby, dovranno quindi preoccuparsi di trasportare in qualche modo il bambino, ma questo pone diverse difficoltà. Passeggini, marsupi e fasce portabebè sono infatti strumenti molto utili in certe situazioni, ma totalmente inadatti in altre: è molto difficile spingere un passeggino su un terreno dissestato, così come è faticoso portare in braccio o sulla schiena un bambino mentre si cammina in salita. Fortunatamente esiste una soluzione molto pratica e sempre più diffusa: lo zaino porta bimbo. Si tratta di uno zaino che assomiglia moltissimo a quelli tipici da trekking, ma appositamente strutturato per poter contenere un bambino.

Zaini porta bimbo: vantaggi e svantaggi

Quella dello zaino porta bambino è la soluzione ideale a questo problema. Se già avete deciso di acquistarne uno e siete qui soltanto per i nostri consigli sui vari modelli, probabilmente questo paragrafo sarà per voi una semplice conferma di quello che conoscete già. Ci sembrava però opportuno elencare in maniera chiara e diretta quali sono i lati positivi dell’utilizzare uno zaino porta bimbo per permettere anche a chi non è esperto in materia di comprenderne a fondo i vantaggi.

  • Gli zaini porta bambini permettono di portare con sé i propri figli durante tutte le attività all’aperto lontano dalle città e che richiedono un certo sforzo fisico. Campeggi, escursioni, camminate più o meno lunghe, viaggi anche di più giorni non saranno più un problema, e non si dovrà essere costretti a lasciare il bambino a casa con una babysitter, o addirittura a rinunciare alle proprie uscite.
  • Sono dotati di strutture metalliche solide e leggere, che permettono di portare in maniera piuttosto confortevole anche più di 20kg. Possono quindi essere utilizzati a lungo, da quando il bambino ha pochi mesi (deve essere in grado di reggersi seduto da solo) fino ai 3 anni circa.
  • Contrariamente a quanto si possa pensare, non sono utilizzabili soltanto in mezzo alla natura. Ad esempio se si abita in una città con molte salite o con molte scalinate, l’uso di un passeggino è spesso molto scomodo, mentre uno zaino porta bambino risulta essere molto più efficace. Per non parlare poi del caso in cui si abiti ai piani alti di un palazzo senza ascensore: i bambini piccoli spesso hanno difficoltà a fare le scale, soprattutto quando sono stanchi o assonnati. Portarli in braccio è però molto faticoso e può anche essere pericoloso, mentre con uno zaino si semplificano molto le cose.
  • La maggior parte dei modelli può essere smontata e piegata, in modo da occupare il minor spazio possibile. Questo può essere un vantaggio per chi abita in case di piccole dimensioni (per quanto anche i passeggini moderni possano essere piegati a fisarmonica, rimangono sempre piuttosto ingombranti), ma anche per chi ama le escursioni fuori porta e vuole poter caricare tutto il necessario in macchina, senza rinunciare alle comodità.
  • Il bambino è comodo e al sicuro, in ogni situazione. La struttura in metallo e le imbottiture proteggono il bimbo in maniera impeccabile, e grazie ai cappucci in dotazione di praticamente tutti i modelli è al riparo anche da pioggia, vento e sole. Portandolo sulla schiena non si corre nemmeno il rischio che possa sfuggire al controllo dei genitori, cosa che potrebbe essere anche molto pericolosa soprattutto durante certe escursioni.

I nostri consigli

MONTIS HOOVER

MONTIS HOOVER
Il MONTIS HOOVER è, secondo noi, il miglior zaino porta bimbo in assoluto. È incredibilmente resistente, solido e stabile, e può essere usato in tutte le occasioni, dagli spostamenti in città alle escursioni in montagna. È dotato di spazio in abbondanza, di accessori utili ed è anche molto comodo sia per il bambino che per il portatore.

>> Ulteriori dettagli su Amazon.it

MONTIS WALK

MONTIS WALK
Il MONTIS WALK si guadagna a pieni voti il titolo di zaino con il miglior rapporto qualità/prezzo. È infatti un modello piccolo ed essenziale, ma non per questo di bassa qualità. Ha infatti spazio a sufficienza, è comodo, è sicuro, e soprattutto è molto maneggevole e pratico. Perfetto per un uso quotidiano, o per metterlo in valigia e portarlo in viaggio.

>> Ulteriori dettagli su Amazon.it

I migliori zaini porta bambini: le nostre recensioni

Con questa guida ci siamo posti l’obiettivo di consigliarvi nell’acquisto di uno zaino porta bimbo, e per farlo abbiamo provato moltissimi modelli, di tutte le marche e in tutte le fasce di prezzo. Siamo così arrivati a stilare la classifica dei quattro prodotti che riteniamo migliori, le cui recensioni potete trovare qui di seguito.

MONTIS HOOVER

MONTIS HOOVERQuesto zaino porta bimbo è uno dei più completi che si possano trovare sul mercato. Oltre allo spazio per la seduta del bambino dispone infatti di una capiente tasca, due portabottiglie laterali, un portachiavi, scomparti esterni ed interni, e soprattutto di uno zainetto posteriore che può essere rimosso grazie ad una cerniera e utilizzato separatamente. Lo spazio a disposizione è quindi abbondante, ma consigliamo di non esagerare e non caricarsi troppo: abbiamo infatti appurato che, anche se comodo, il peso si fa comunque sentire. È presente anche un tettuccio che può essere fissato allo zaino per proteggere il bambino dal sole o dalla pioggia, e che quando non in uso può essere ripiegato e messo in una delle tasche dello zaino.

Il telaio è in alluminio, molto resistente ma leggero, e permette anche di appoggiare lo zaino a terra senza togliere il bambino: questo può risultare molto comodo per quando ci si prende una pausa, ma durante i nostri test l’abbiamo anche usato come una specie di seggiolone durante i pasti. L’importante è che il bambino non si agiti troppo, e la supervisione di un adulto è comunque fondamentale. È realizzato in tessuto sintetico a prova di strappi, impermeabile e traspirante: anche dopo lunghe camminate non abbiamo avuto l’impressione di sudare più del dovuto, e anche il bambino, nonostante la posizione fissa, non ha sofferto di questo tipo di problemi. Gli spallacci e lo schienale sono ben imbottiti e non abbiamo mai sofferto a tenere lo zaino in spalla anche per molte ore, e anche la seduta per il bambino è molto comoda, anche se forse consigliamo l’uso di un cuscino supplementare nel caso si addormenti, per meglio sostenere la testa.

Salewa Koala II

Salewa Koala IILo zaino portabimbo Salewa Koala è un prodotto davvero ottimo. È adatto per bambini fino a 20kg, e grazie alla seduta regolabile è molto semplice adattarlo a bambini di varie età. Gli spallacci che tengono il bambino in posizione sono ben imbottiti e, una volta allacciati, non si muovono assolutamente. Gli spallacci dello zaino in sé invece avrebbero potuto avere un’imbottitura maggiore, ma non sono comunque scomodi. Lo schienale è perfettamente ergonomico, e non affatica la schiena anche dopo un uso prolungato. Abbiamo trovato particolarmente utile la cintura in vita, che permette di ancorare lo zaino e ridurre drasticamente gli sbilanciamenti dovuti ai movimenti del bambino: sicuramente sarà apprezzato da chi ha figli particolarmente vivaci!

Si tratta inoltre di uno zaino ben accessoriato, dotato di una protezione per il mento e di tettucci per la protezione dal sole e dalla pioggia. Mancano però i poggiapiedi e un poggiatesta nel caso in cui il bambino si addormenti, ma per la nostra esperienza è sufficiente anche solo una felpa o un asciugamano arrotolato. È presente una sacca centrale abbastanza spaziosa in cui poter tenere tutto quello di cui si potrebbe aver bisogno, e ci sono anche tasche laterali per bottiglie o piccoli oggetti importanti, raggiungibili anche mentre si indossa lo zaino. La struttura è in alluminio, è solida e permette di appoggiare lo zaino senza dover prima togliere il bambino, ma non è abbastanza stabile da poterlo trasformare in una specie di seggiolone all’occorrenza.

MONTIS WALK

MONTIS WALKIl MONTIS WALK è uno zaino essenziale e compatto, ma dotato di tutte le necessità. Lo scomparto che ospita il bambino è pieghevole, quindi permette di utilizzarlo anche come normalissimo zaino. Gli spazi per oggetti vari sono ridotti ma più che sufficienti per escursioni brevi, sono presenti infatti soltanto una tasca principale e due portabottiglie laterali. A prima vista la seduta per il bambino sembra scomoda e poco sicura, ma ci siamo dovuti subito ricredere. Gli spallacci sono ben imbottiti e completamente regolabili, mentre la seduta vera e propria è realizzata in tessuto traspirante e accoglie perfettamente il bambino. Risulta invece un po’ più scomodo per il portatore, poiché gli spallacci sono in semplice tessuto e non offrono un grande sostegno. Durante i nostri test ci siamo però accorti che basta fare qualche pausa in più (e quando si trasporta un bambino le pause sono molto frequenti!) e il problema scompare.

Trattandosi di uno zaino morbido non ha un telaio robusto, quindi non è possibile appoggiarlo a terra mentre il bambino è ancora al suo interno; proprio per questo motivo è però possibile ripiegare lo zaino e infilarlo in valigia, quindi risulta essere molto pratico e conveniente per le vacanze. Nonostante sia uno zaino pensato per l’uso giornaliero e non specifico per le escursioni, ci ha sorpreso la sua robustezza: il tessuto con cui è stato realizzato è infatti molto resistente, non si strappa e non si graffia, ed è perfettamente traspirante. L’unico lato negativo di questo zaino è l’assenza del tettuccio parasole/parapioggia, ma trattandosi di uno zaino pensato per brevi tragitti probabilmente non se ne sentirà la mancanza.

Brevi 209 Rocky

Brevi 209 RockyQuesto zaino Brevi è perfetto per i bambini un po’ più piccoli, è infatti l’unico tra quelli che vi consigliamo che può sopportare un peso fino a 15kg. Nonostante questo è un prodotto molto comodo sia per il bambino che per il portatore. La seduta è regolabile su cinque posizioni diverse, per poter crescere insieme al bambino, e sia gli interni che gli spallacci sono ben imbottiti. Anche i passanti per le gambe sono imbottiti, si evitano così sfregamenti potenzialmente fastidiosi, e sono presenti anche le utilissime staffe poggiapiedi. Abbiamo notato che il bambino quando riesce ad appoggiare i piedi è molto più stabile e si affatica meno, quindi si tratta di una scelta molto apprezzata!

Il tettuccio ripara sia dalla pioggia che dal sole, ed è molto semplice sia da montare che da togliere. Gli spallacci dello zaino non sono particolarmente imbottiti ma sono comunque comodi, anche se possono essere regolati in lunghezza soltanto fino ad un certo punto: per questo non consigliamo l’uso di questo zaino a persone particolarmente alte. Il telaio è in alluminio ed è molto resistente, anche se non eccessivamente stabile: se lo volete usare come seggiolone consigliamo di appoggiarlo a una parete o a qualcosa di simile per dargli stabilità. L’unica pecca di questo modello è la mancanza di spazio: sono presenti infatti soltanto un portabottiglie laterale e una piccola tasca sulla cintura. Questo non è però necessariamente un problema: in questo modo il peso totale dello zaino non sarà mai eccessivo, e quindi risulta essere perfetto per persone di piccola statura, donne, ecc.

Il nostro metodo

MONTIS HOOVERUno degli errori più comuni che si può commettere nella scelta di uno zaino porta bimbo è pensare che si tratti di un semplice marsupio portabebè utilizzabile anche durante lunghe escursioni: niente di più sbagliato! Si tratta piuttosto di uno zaino da trekking adattato al trasporto di bambini. Abbiamo quindi provato tutti quei modelli che rispondono a questo criterio, e vi proponiamo qui i migliori. Per poter fare delle valutazioni accurate e il più possibile oggettive, abbiamo preso in considerazione alcuni aspetti che, a nostro parere, sono fondamentali, e che descriviamo qui di seguito.

Sicurezza:

La caratteristica che pensiamo sia più importante è quella della sicurezza. Si dice spesso che i bambini, soprattutto quelli più piccoli, sono praticamente “indistruttibili”, e che non ci si dovrebbe preoccupare troppo di piccole cadute a terra. Questo è in parte vero, ma bisogna anche considerare che un conto è inciampare in un prato, e un conto è invece cadere dalle spalle dei genitori, magari su un terreno roccioso. Il discorso si fa quindi molto più complesso, e durante i nostri test abbiamo cercato di immaginare tutti i possibili rischi cui si potrebbe andare incontro. Prima di tutto è importante che il bambino sia tenuto in posizione da cinture, tracolle, o simili. Bisogna infatti ricordarsi che i bambini tendono a muoversi molto ed è quindi importante che non sia assolutamente possibile che riescano a sfilarsi dallo zaino. Il bambino non deve poi nemmeno correre il rischio di cadere quando si appoggia lo zaino a terra o quando lo si carica sulle spalle. La sicurezza è però importante anche per il portatore: un bambino che si agita perché non tenuto in posizione all’interno dello zaino potrebbe sbilanciare l’adulto che lo porta, e in questo caso una caduta potrebbe essere pericolosa per entrambi.

Comfort:

Brevi 209 RockyLa comodità è fondamentale per gli zaini porta bambini. Se infatti un passeggino deve essere soprattutto funzionale, quando si parla di zaini il comfort è strettamente collegato alla funzionalità del prodotto. Ricordiamoci infatti che questo tipo di zaino è pensato per essere utilizzato a lungo, e in condizioni non necessariamente ottimali. Con un modello scomodo sarebbe impossibile pensare di camminare per ore, e questo ovviamente renderebbe inutile l’uso di uno zaino porta bimbo e potrebbe addirittura mettere a rischio la salute del portatore e del bambino stesso. Abbiamo quindi cercato di verificare che tutti gli zaini che vi proponiamo abbiano le dovute imbottiture, sia per il genitore che per il bambino, e che siano presenti sostegni per le sue gambe e soprattutto per la sua testa, in modo che possa riposare o dormire senza problemi.

Tasche e carico:

Se avete mai avuto a che fare con bambini piccoli, sapete benissimo che quando si sta fuori casa per più di un paio d’ore bisogna avere con sé moltissimi oggetti e accessori: biberon, merendine, spuntini, salviette, pannolini, crema solare, giocattoli, vestitini, bavaglie, ecc. L’ideale sarebbe quindi riuscire ad utilizzare lo zaino porta bimbo anche per trasportare tutto il necessario, sempre tenendo a mente il limite di carico dello zaino stesso e del portatore che lo utilizza. Quasi tutti gli zaini che abbiamo provato dispongono di tasche e tasconi, ma alcuni sono molto più pratici di altri. Come abbiamo già visto la distribuzione del peso è importante, quindi sono da evitare quegli zaini con tasche disposte in maniera asimmetrica, così come sono da evitare anche quelli con troppe tasche: si rischia di caricarsi troppo e non riuscire nemmeno a sollevare lo zaino una volta inserito il bambino. Anche il tipo di tasca è importante: devono potersi chiudere, e a questo scopo sono molto più comode e pratiche le cerniere piuttosto che il velcro.

Semplicità d’uso:

MONTIS WALKSi potrebbe pensare che uno zaino porta bimbo non sia poi così difficile da usare, eppure non è sempre così. Stiamo parlando infatti di un prodotto molto versatile, che deve poter essere regolato a seconda del peso del carico, dell’altezza del portatore, ecc. A volte però queste regolazioni possono essere anche piuttosto complicate, e possono così far perdere tempo e pazienza. Durante i nostri test abbiamo quindi premiato quegli zaini che funzionano in maniera molto intuitiva e che possono essere regolati facilmente e con precisione. Abbiamo anche apprezzato in particolare quei modelli che possono essere ripiegati in maniera ordinata senza troppi problemi, perché non c’è niente di più antipatico che ritrovarsi con uno zaino che non entra nel bagagliaio. Un altro aspetto che abbiamo tenuto in considerazione è la presenza di libretti di istruzioni. Anche se le procedure di regolazione dovrebbero essere immediate, è sempre bene consultare il manuale per assicurarsi di non eseguire operazioni errate: si potrebbe infatti rischiare di non mettere in sicurezza il bambino.

Materiali:

L’uso di particolari materiali può fare la differenza tra un ottimo zaino e uno scomodissimo. Prima di tutto bisogna pensare all’intelaiatura: solitamente è in alluminio, ma bisogna sempre verificarne la robustezza, e dovrebbe essere abbastanza leggera da non diventare un ostacolo alla camminata ma non così tanto da dare l’impressione di fragilità. Anche la parte in tessuto deve essere resistente, in particolare se si usa lo zaino per escursioni in mezzo alla natura. Per questo ormai si utilizzano tessuti tecnici pensati appositamente per queste occasioni, e che sono resistenti a strappi e graffi. È molto importante che il tessuto sia anche impermeabile: il meteo può cambiare anche repentinamente, e il bambino deve essere sempre protetto. Infine bisogna considerare anche la qualità delle imbottiture, che non devono essere eccessivamente morbide ma offrire sostegno.

Conclusione

Se siete arrivati a leggere fino a questo punto avrete sicuramente un’idea molto più precisa di quale prodotto acquistare. Vi abbiamo presentato quattro zaini porta bambino che hanno tutte quelle caratteristiche che riteniamo fondamentali in un prodotto di questo tipo, e che possiamo quindi considerare come i migliori sul mercato. Ci sentiamo di consigliare in particolare gli zaini MONTIS HOOVER e MONTIS WALK: il primo è quello con la qualità più alta in assoluto, mentre il secondo ha un rapporto qualità/prezzo ineguagliabile.

[Voti: 3    Media Voto: 3.7/5]